Iron man e nutrizione clinica

Iron man e nutrizione clinica

Iron man

Iron man

La nutrizione clinica  contribuisce alla gestione delle problematiche e della performance durante allenamento  per la competizione Iron man.  La nutrizione clinica  non presenta rischi collaterali per l’atleta ed è pienamente compatibile con l’etica sportiva. La nutrizione clinica utilizza il cibo come uno strumento di intervento e somministra un regime alimentare coerente con gli obiettivi Iron man.  L’ infiammazione residuale, il dolore, la biomeccanica  e la gestione dello stress sono implicati nell’ Iron man.

  Leggi tutto.

Sessualita e nutrizione clinica

Sessualita e nutrizione clinica

Sessualita e nutrizione clinica

Sessualita e nutrizione clinica

Nei disturbi della sessualita è utile la nutrizione clinica  per contenere, nei casi in cui fosse indicato, la risposta adattativa a stress e le connesse alterazioni del sistema neurovegetativo. La nutrizione clinica favorisce in tal modo il decorso dei trattamenti specifici  previsti.  La sessualita, in ambito umano, è un aspetto fondamentale e complesso del comportamento, che riguarda da un lato gli atti finalizzati alla procreazione, ma anche quelli connessi alla ricreazione, ovvero la ricerca di evoluzione personale tramite il piacere. La sessualita umana si distingue da quella animale, caratterizzata invece da comportamenti peraltro ritualizzati,  con sola finalità procreativa.

  Leggi tutto.

Raffreddore allergico e nutrizione clinica

Raffreddore allergico e nutrizione clinica

Raffreddore allergico e nutrizione clinica

Raffreddore allergico e nutrizione clinica

La nutrizione clinica è utilizzata nel trattamento del raffreddore allergico per applicare strategie nella scelta del cibo idonee a contenere l’infiammazione. Una nutrizione corretta al fine di contenere la flogosi nel raffreddore allergico, integra altri presidi di terapia favorendo il decorso decorso e previene recidive. Il raffreddore allergico è una malattia emergente che tracima  spesso oltre i criteri di stagionalità è può diventare un problema continuativo per il paziente.

  Leggi tutto.

Ernia iatale e nutrizione clinica

Ernia iatale e nutrizione clinica

Ernia iatale

Ernia iatale

Una nutrizione coerente è utile nel trattamento dell’ ernia iatale sopratutto per le forme  cliniche stress correlate o caratterizzate da iperacidità. Sia la iperacidita che lo stress coincidono generalmente anche con la perdita di un corretto rapporto tra le masse corporali e retroazioni ormonali specifiche. Esistono  aspetti metabolici e stress dipendenti nell’ ernia iatale  per le quali l’ingresso in nutrizione è sempre il primo passo di una trattamento, che implicherà poi anche altri presidi di terapia.

  Leggi tutto.

Tendine infiammato e nutrizione clinica

Tendine infiammato e nutrizione clinica

Tendine infiammato e nutrizione clinica

Tendine infiammato e nutrizione clinica

Nel trattamento di un tendine infiammato è utile la nutrizione clinica per modificare i comportamenti alimentari che favoriscono le infiammazioni e per ridurre eventuali carichi eccessivi.  Un tendine infiammato consegue generalmente un sovraccarico, una carico errato o una deficit qualitativo del tessuto. Il tendine infiammato coinvolge i tessuti adiacenti, procedendo poi dall’infiammazione verso la degenerazione,  culminando in microrotture o rottura completa.  I sintomi sono il dolore e gonfiore della zona interessata.  Leggi tutto.